Giocatori Premier League 2023/24: top e flop della MW33
Premier League 2023/24: Top e Flop MW33

Giocatori Premier League 2023/24: top e flop della MW33

Sintesi:

La top 11 e la flop 11 dei giocatori che hanno spiccato maggiormente, rispettivamente in positivo e in negativo, nella 33ª giornata della Fantasy Premier League 2023/24.

Proseguiamo con la rubrica nella quale selezioniamo la top 11 e la flop 11 della Matchweek appena trascorsa, composte rispettivamente dai giocatori che si sono maggiormente distinti in positivo e in negativo, non necessariamente in ottica FPL, nei match dell’ultima giornata del campionato di Premier League.

Top 11 (4-2-3-1)

Fabianski (WHU)

Nonostante le due reti subite, il portiere degli Hammers fornisce una prestazione sontuosa con cui limita i danni compiendo interventi miracolosi.

Ekdal (BUR)

Trovare un difensore Burnley tra i top è qualcosa di rarissimo, ma lo svedese se lo merita con una prova perfetta finchè non deve uscire per infortunio.

Diego Carlos (AVL)

Nella vittoria di Emirates c’è lo zampino anche del centrale brasiliano che sbroglia alcune situazioni complicate in area e che col passare dei minuti alza un muro invalicabile.

Senesi (BOU)

Due assist per un difensore centrale sono una rarità ed invece l’argentino delle Cherries porta a casa questo bottino mettendo in mostra buone doti da playmaker difensivo.

Mitchell (CRY)

L’esterno del Palace blocca ogni iniziativa portata sul suo lato ed è autore di un provvidenziale salvataggio nel recupero. Come se non bastasse, è suo l’assist che porta al gol vittoria.

Danilo (NFO)

Il brasiliano sta ritrovando la forma migliore e sta tornando il centrocampista box-to-box che aveva entusiasmato negli ultimi mesi della scorsa stagione. Contro i Wolves un gol ed una prova sontuosa nel mezzo.

Andreas (FUL)

Il brasiliano dei Cottagers quest’anno aveva faticato a ripetere l’ottima stagione scorsa, ma già da alcune settimane sembrava più ispirato. Sensazione confermata dalla bella doppietta che stende il West Ham.

Doku (MCI)

Contro le difese basse e che rimangono uomo contro uomo, il giocatore belga sa essere devastante: un rigore procurato, un gol capolavoro ed un assist.

Palmer (CHE)

Ormai non abbiamo più aggettivi per il gioiellino scuola City; quattro gol diversi da loro per mostrare tutta la varietà dei colpi.

Cunha (WOL)

Il giocatore brasiliano riprende dove aveva lasciato prima dell’infortunio con un’altra bella prova condita da due reti: una da vero brasiliano ed una da rapinatore d’area.

Isak (NEW)

Con i suoi movimenti ed i suoi dribbling fa vivere una giornata da incubo ai difensori degli Spurs che non lo fermano praticamente mai.

Flop 11 (5-3-2)

Muric (BUR)

Kompany ed i suoi uomini ce la stanno mettendo tutta per compiere una salvezza miracolosa. Il portiere kosovaro ce la sta mettendo tutta per rovinare i loro piani con un’altra papera clamorosa dopo quella dello scorso turno.

Onyedinma (LUT)

Una giornata di uno contro uno con Doku rappresenta un buon test per capire la bravura di un difensore. Test fallito dal nigeriano del Luton che soffre terribilmente per tutti i 90 minuti procurando anche un rigore.

Omobamidele (NFO)

Il centrale del Forest si fa scherzare troppo facilmente da Cunha in occasione del primo gol; per il resto prova ordinata ma non troppo convincente.

Mavropanos (WHU)

Il difensore greco è arcigno e rognoso in marcatura, ma ogni tanto con i suoi interventi poco aggraziati è protagonista in negativo. Contro il Fulham è un suo stop sbilenco a propiziare il gol dello 0-1.

Van de Ven (TOT)

“Difensore scivoloso, difensore pericoloso” diceva il buon vecchio Mazzone. E l’olandese conferma questo detto finendo due volte col sedere per terra sui primi due gol del Newcastle.

Kambwala (MUN)

Il difensore dei Red Devils non aveva demeritato nelle scorse partite, ma contro il Bournemouth fa vedere tutta la giovane età con una marcatura soft su Solanke in occasione del gol ed un rigore quasi procurato nel recupero.

Endo (LIV)

Il giapponese era stato una sorpresa in questo stagione ed il suo inserimento tra i titolari aveva portato equilibrio nei Reds. Fino al match col Palace in cui sbaglia posizionamento sul gol subito ed è nullo in fase di impostazione.

Baleba (BHA)

Il giovane centrocampista di De Zerbi è un ottimo prospetto per il futuro ma ancora si fa sentire la giovane età come errori come quello del retropassaggio corto da cui nasce il gol del Burnley.

Zinchenko (ARS)

Quest’anno la fascia sinistra dell’Arsenal è stata un rebus irrisolto: l’ucraino ha faticato a trovare continuità e contro i Villans ha deluso sia dietro che in fase di spinta.

Salah (LIV)

Il vero Salah non si è praticamente ancora mai visto dopo il rientro dall’infortunio in Coppa d’Africa. Contro il Palace poche iniziative interessanti e poca brillantezza nei palloni vaganti in area.

Beto (EVE)

Per correttezza oltre a lui dovrebbero far parte dei flop anche gli altri 10 compagni di squadra, ma se sullo 0-0 riesci a sbagliare un gol con expected goal di 0.96 allora sei il primo a finire dietro la lavagna.

Partecipa alla discussione

Newsletter