Fantacalcio Premier League 2023/24: il capitano della GW38
Fantasy Premier League 2023/24: Il capitano della GW38

Fantacalcio Premier League 2023/24: il capitano della GW38

Sintesi:

Analisi dei migliori capitani per la GW38 del Fantasy Premier League 2023/24 con i pro e i contro di tre possibili opzioni, ordinate secondo un livello di rischio crescente.

Nuovo appuntamento con la consueta rubrica nella quale indichiamo tre papabili capitani per la Gameweek in oggetto, segnalando i pro e i contro di ciascuna opzione arricchiti dagli expected points secondo il modello statistico di Fantasy Football Scout.

Scegliamo un giocatore per ogni fascia di rischio: bassa, media e alta. Nella fascia di rischio bassa troviamo un asset che sarà scelto da gran parte degli altri manager e che ha ottime probabilità di portare molti punti. Quella media e alta contengono nomi più differential e quindi scelti da meno giocatori e con meno probabilità di avere ottimi ritorni di punti.

Ovviamente scegliendo un capitano col rischio basso si fa una scelta comune a tanti altri manager e, di conseguenza, si guadagnano o si perdono poche posizioni indipendentemente dalla sua performance; al contrario, con i rischi medi o alti, in caso di exploit, è possibile scalare repentinamente la classifica come, allo stesso tempo, precipitare in basso.

Rischio basso

Haaland (Manchester City – West Ham)

Contro il West Ham3 partite (258 minuti)4 gol0 assist
In casa contro il West Ham1 partita (90 minuti)1 gol0 assist

Expected points: 6.7

Pro

Il City deve vincere per essere campione della Premier League e davanti ha un West Ham ormai senza più obiettivi e che nelle ultime 4 GW ha subito ben 13 reti. Haaland è tornato sulle sue medie realizzative e vorrà mettere il sigillo sul campionato, tra l’altro contro una squadra a cui ha già segnato quattro volte in 3 match. Inoltre è rigorista.

Contro

Spesso in queste partite decisive sono stati altri gli eroi del Manchester City che segnano il gol vittoria. Inoltre se la partita si mette presto in discesa, il norvegese potrebbe lasciare un po’ di minutaggio e di palcoscenico ad Alvarez.

Rischio medio

Son (Tottenham – Sheffield United)

Contro lo Sheffield United6 partite (530 minuti)2 gol3 assist
In casa contro lo Sheffield United3 partite (260 minuti)2 gol1 assist

Expected points: 6.1

Pro

Al Tottenham serve almeno un punto per blindare il quinto posto, ma l’ultima in casa contro il già retrocesso Sheffield potrebbe portare a gol e divertimento per gli Spurs. Son è quello con le migliori statistiche offensive dei suoi e contro la peggior difesa di tutti i tempi della Premier può incrementare notevolmente il proprio bottino di reti. Inoltre è rigorista.

Contro

Nelle ultime partite il coreano è apparso spesso in difficoltà in ambito realizzativo e contro squadre che potrebbero partire col blocco basso e chiuse lui fatica a trovare spazi preferendo allontanarsi dalla porta.

Rischio alto

Saka (Arsenal – Everton)

Contro l’Everton9 partite (772 minuti)1 gol4 assist
In casa contro l’Everton4 partite (322 minuti)1 gol3 assist

Expected points: 5.8

Pro

L’Arsenal ha ormai poche chance di conquistare la Premier, ma per non aver rimpianti deve comunque far bottino pieno nell’ultimo match casalingo contro un già salvo Everton. Saka non ha segnato ad Old Trafford ma nelle ultime partite è apparso di nuovo brillante e tra i più pericolosi per statistiche offensive. Inoltre è rigorista.

Contro

I Toffees sono secondi per numero di Clean Sheet ottenuti e quindi non sarà facile scardinare la loro difesa e nelle ultime partite hanno dimostrato di lottare comunque anche se non hanno più obiettivi. Inoltre, se la partita del City dovesse essere chiusa dopo un tempo, Arteta potrebbe far giocare nei minuti finali chi ha avuto meno spazio e far riposare stakanovisti come Saka.

Partecipa alla discussione

Newsletter