Giocatori Premier League 2023/24: top e flop della MW15
Premier League 2023/24: Top e Flop MW15

Giocatori Premier League 2023/24: top e flop della MW15

Sintesi:

La top 11 e la flop 11 dei giocatori che hanno spiccato maggiormente, rispettivamente in positivo e in negativo, nella 15ª giornata della Fantasy Premier League 2023/24.

Proseguiamo con la rubrica nella quale selezioniamo la top 11 e la flop 11 della Matchweek appena trascorsa, composte rispettivamente dai giocatori che si sono maggiormente distinti in positivo e in negativo, non necessariamente in ottica FPL, nei match dell’ultima giornata del campionato di Premier League.

Potete trovare questo contenuto anche sulla pagina Facebook degli amici di NonSoloPremier.

Top 11 (3-5-2)

Sanchez (CHE)

Siamo spesso stati severi con il portiere spagnolo, ma stavolta la sua prestazione è eccellente con il rigore parato e altri interventi miracolosi.

Hinshelwood (BHA)

Il diciottenne del Brighton gioca con buona personalità e corona la sua prova con un salvataggio provvidenziale sulla linea ed il gol che decide il match.

Van Dijk (LIV)

Solita partita solida in difesa con un paio di chiusure provvidenziali sugli attaccanti dello Sheffield a cui aggiunge la ciliegina del gol che sblocca il match sugli sviluppi di un angolo.

Kilman (WOL)

Prestazione perfetta del centrale di O’Neil che non sbaglia niente e in coppia con Dawson si mette in tasca Jay Rodriguez.

Iwobi (FUL)

Grande partita del nigeriano, schierato sulla fascia destra, che con il suo atletismo e la sua fisicità fa impazzire i difensori del Forest. Oltre a ciò, finalmente anche un po’ di concretezza sotto porta con i due gol di ottima fattura.

Christie (BOU)

Ottima vittoria di squadra per le Cherries sul difficile campo del Palace, ma tra tutti erge la prestazione in mezzo al campo di Christie che con corsa, contrasti e senso della posizione blocca tutte le iniziative delle Eagles.

McTominay (MUN)

Lo scozzese ci ha preso gusto con i gol pesanti ed ancora una volta è una sua doppietta a regalare i 3 punti ai Red Devils. Oltre a ciò, un altro paio di occasioni non sfruttate ed una partita generosa box-to-box.

McGinn (AVL)

I Villans dominano inaspettatamente contro il City di Guardiola ed una delle chiavi del match è la superiorità in mezzo al campo, grazie anche allo scozzese che si sdoppia tra fascia sinistra e zona mediana non disdegnando incursioni pericolose in avanti.

McNeil (EVE)

Per gran parte del match si preoccupa soprattutto di frenare le scorribande offensive di Trippier, ma quando il nazionale inglese inizia a dare segni di cedimento due sue volate portano ai primi due gol dei Toffees.

Bailey (AVL)

Ci sono voluti due anni ma finalmente si è visto il Bailey di Leverkusen. Partita pazzesca con continui strappi sulla fascia destra che mettono continuamente in affanno i difensori dei Citizens e coronata con il gol decisivo.

Jimenez (FUL)

Eravamo sempre stati scettici sul ritorno a grandi livelli dell’attaccante messicano e certamente una rondine non fa primavera, ma contro il Forest si è rivisto un attaccante completo abile a giocare per la squadra e a finalizzare con grande qualità.

Flop 11 (3-5-2)

Raya (ARS)

Ancora una prestazione tutt’altro convincente per il portiere spagnolo, colpevole su due dei tre gol subiti. Sarà ancora convinto Arteta di lasciare Ramsdale in panchina?

Ward (CRY)

Il terzino delle Eagles sembra aver perso lo smalto dei tempi migliori mostrando affanno in fase difensiva e perdendosi Senesi in occasione del gol partita.

Akanji (MCI)

Lo svizzero viene schierato insieme a Stones davanti alla difesa per provare a limitare l’assenza di Rodrigo, ma si vede che non ha l’abitudine al ruolo e viene spesso sovrastato dalla mediana dei Villans.

Colwill (CHE)

Schierato capitano dei Blues, il giovane difensore inizia la gara con buona personalità ma poi piano piano va in difficoltà con Antony e nel secondo tempo è troppo molle su McTominay nel gol decisivo.

Trippier (NEW)

Il nazionale inglese è spesso il trascinatore dei suoi con volate sulla fascia e cross al bacio. Stavolta invece trascina le Magpies alla sconfitta con due svarioni colossali che portano alle prime due reti dell’Everton.

Berge (BUR)

Prestazione ordinata per il centrocampista dei Clarets, ma l’errore in disimpegno sul finire del primo tempo con palla regalata a Cunha costa carissimo ai suoi.

Sangare (NFO)

Il centrocampista del Forest è reduce da un virus e forse può essere questa l’attenuante di una partita disastrosa in cui fatica a trovare la posizione e in cui non riesce a tenere il ritmo degli avversari.

Foden (MCI)

Il talentino inglese era stato uno dei più brillanti nelle ultime uscite ma il pressing asfissiante dei Villans gli toglie spazi e respiro e sotto pressione sbaglia troppo per uno con le sue qualità (ben 12 palloni persi).

Aina (NFO)

L’esterno nigeriano torna titolare dopo qualche panchina ma incappa in una serata molto negativa in cui si perde gli avversari in almeno un paio di reti.

Haaland (MCI)

Il norvegese si rende subito pericoloso con due grosse occasioni su cui è superlativo Martinez e sembra il preludio di una sfida a distanza con il portiere argentino. Sbagliatissimo perché poi non la tocca praticamente più.

Rodriguez (BUR)

Non si vede praticamente mai per tutta la partita se non per un’occasionissima sul punteggio di 0-0, ma si fa ipnotizzare da Bentley calciandogli addosso.

Partecipa alla discussione

Newsletter