Giocatori Premier League 2023/24: top e flop della MW13
Premier League 2023/24: Top e Flop MW13

Giocatori Premier League 2023/24: top e flop della MW13

Sintesi:

La top 11 e la flop 11 dei giocatori che hanno spiccato maggiormente, rispettivamente in positivo e in negativo, nella 13ª giornata della Fantasy Premier League 2023/24.

Proseguiamo con la rubrica nella quale selezioniamo la top 11 e la flop 11 della Matchweek appena trascorsa, composte rispettivamente dai giocatori che si sono maggiormente distinti in positivo e in negativo, non necessariamente in ottica FPL, nei match dell’ultima giornata del campionato di Premier League.

Potete trovare questo contenuto anche sulla pagina Facebook degli amici di NonSoloPremier.

Top 11 (3-4-3)

Martinez (AVL)

L’estremo difensore argentino mette il timbro sulla vittoria dei Villans con almeno un paio di interventi provvidenziali.

Mengi (LUT)

Il difensore degli Hatters già da alcune settimane è uno dei più positivi tra i suoi e stavolta corona un buon match con la rete del primo vantaggio.

Akè (MCI)

Il difensore olandese contiene bene dalla parte di Salah e si permette il lusso di una scorribanda offensiva da cui nasce il gol di Haaland

Zinchenko (ARS)

Un prezioso salvataggio ed il solito lavoro prezioso in fase di impostazione per il terzino ucraino.

Tavernier (BOU)

L’esterno inglese era stato una delle sorprese tra le Cherries della scorsa stagione ma quest’anno faticava a confermarsi. Contro lo Sheffield invece due reti ed altre occasioni pericolose.

Cairney (FUL)

Torna titolare in mezzo al campo per l’assenza di Palhinha e finalmente sfoggia tutte le sue doti con una partita in cui abbina qualità e quantità ed impreziosita dal rigore procurato.

Mainoo (MUN)

Il giovane centrocampista torna dopo un infortunio ed impressiona subito con una grande prova per posizionamento e personalità.

Koleosho (BUR)

Da inizio anno è il migliore dei Clarets come rendimento ed anche stavolta da una sua scorribanda sulla fascia nasce il rigore che sblocca il match.

Gibbs White (NFO)

Finalmente il giovane talento inglese torna a brillare con una prestazione ottima coronata dall’assist sul primo gol e dal rigore trasformato.

Gordon (NEW)

Il giovane talento scuola Everton cresce partita dopo partita e davanti riesce spesso a concretizzare le sue folate offensive.

Garnacho (MUN)

Il talento c’è e si vede, ma spesso è sembrato più fumoso che concreto. Voci spazzate via con una sforbiciata che si candida a gol dell’anno.

Flop 11 (4-4-2)

Foderingham (SHU)

L’estremo difensore delle Blades spesso, ed anche con il Bournemouth, limita il passivo con le sue parate. Ma l’errore sul gol del 2-0 è imperdonabile e decisivo.

Emerson Royal (TOT)

Non è un centrale ma viene adattato in quel ruolo in emergenza vista la sua velocità. Ma appare spesso in ritardo e fuori posizione.

Thiago Silva (CHE)

Il brasiliano è spesso il baluardo della difesa dei Blues ma stavolta affonda con tutta la retroguardia con un pasticcio clamoroso sul 3-1.

Andersen (CRY)

Il danese per lunghi tratti domina e comanda in difesa come consuetudine ma poi combina in collaborazione con Johnstone la frittata del 2-1.

Taylor (BUR)

Controlla senza problemi per oltre 80 minuti ma poi nel finale i due cross decisivi di Kudus nascono entrambi dalla sua parte.

Diaby (AVL)

La difesa alta degli Spurs sarebbe perfetta per la sua velocità ma in 45 minuti non riesce mai a trovare gli spazi ed i movimenti giusti.

Gallagher (CHE)

Il centrocampista dei Blues stavolta corre molto a vuoto e sciupa una ghiottosissima occasione.

Harrison (EVE)

Lo United concede molto ma la parte dell’esterno ex Leeds è l’unica zona in cui i Toffees faticano a sfondare.

Jota (LIV)

Il portoghese esce prima dell’ora di gioco per infortunio ma difficilmente Klopp lo avrebbe tenuto molto di più in campo visto che non si vede praticamente mai.

Wissa (BRE)

Con Mbeumo ben controllato dai difensori Gunners, l’attaccante delle Bees sparisce velocemente dai radar.

Archer (SHU)

Dura la vita di un attaccante delle Blades, ma stavolta anche Archer ci mette poco di suo per creare grattacapi ad una retroguardia certamente non imperforabile.

Partecipa alla discussione

Newsletter